Archivio Bollettini

PREVISIONI METEO – Molto Caldo con Afa Ovunque – 19 LUG & Tendenza

Clicca Qui Per Visualizzare Il Bollettino Video Su YouTube

=== === === === === ===

SITUAZIONE ED EVOLUZIONE GENERALE

La goccia fredda in cut-off ad ovest del continente europeo viene inglobata nel flusso atlantico innescando un peggioramento sui settori ovest britannici ed ovest francesi. Nel frattempo una bolla di aria africana, con valori in quota da record, interessa tutta l’Europa centro-occidentale risalendo fino sul Regno Unito e persino sulla Scandinavia meridionale. Anche la penisola italiana inizia ad essere interessata da caldo intenso.

PREVISIONI METEO PER L’AREA ITALIANA – Martedì 19 Luglio 2022

NORD
Cieli sereni o poco nuvolosi con sviluppo di nubi pomeridiane sui rilievi alpini. La nuvolosità risulterà più intensa sulle Alpi occidentali dove avranno luogo rovesci o temporali sparsi. Molto caldo ed afoso nelle zone pianeggianti.

CENTRO
Stabile e soleggiato salvo innocue nubi pomeridiane sui maggiori rilievi appenninici. Farà decisamente caldo nelle pianure interne del centro-nord con condizioni di elevato disagio per afa.

SUD E ISOLE
Soleggiato e caldo con al più qualche nube pomeridiana sulle cime appenniniche e sulla Sicilia interna.

TEMPERATURE
Temperature massime stazionarie salvo dei lievi aumenti sulla Val Padana orientale e nelle conche interne centro-settentrionali. Minime anch’esse stazionarie. Valori sia massimi che minimi al di sopra della media con afa persistente.

VENTI E MARI
Ventilazione debole a regime di brezza con locali rinforzi nelle ore centrali della giornata. Mari da calmi a localmente poco-mossi, specie sui settori basso-adriatici e ionici.

TENDENZA METEO NAZIONALE ESTESA FINO ALLE 72 ORE

Un rapido impulso perturbato in transito sulla Francia sposta l’asse dell’anticiclone africano verso la nostra penisola con conseguente aumento del cado e dell’afa al centro-nord, in particolare Giovedì. Qualche passaggio temporalesco potrà aver luogo sull’arco alpino nella giornata di Mercoledì a causa di ingerenze più fresche ed umide in quota legate al passaggio perturbato in azione sulla Francia.