Archivio Bollettini

Bollettino Meteo – Venerdì 25 Marzo 2022

Clicca Qui Per Visualizzare Il Bollettino Video Su YouTube

=== === === === === ===

SITUAZIONE ED EVOLUZIONE GENERALE

La vasta alta pressione in sede europea, che si estende dal Mediterraneo centrale fino verso la Russia, tende a spostare i suoi massimi in corrispondenza del Regno Unito. Ciò favorirà l’apertura di un canale perturbato che dalla Scandinavia si getterà sulla Russia, accompagnato da maltempo. Il flusso atlantico zonale si trova ancora bloccato ad ovest del continente europeo, favorendo il permanere di una depressione stazionaria sul nord-Africa, responsabile di maltempo anche nelle aree desertiche del Sahara settentrionale. Volgendo lo sguardo ad est permane ancora una leggera avvezione di aria fredda che sta interessando oramai da giorni il settore del Mar Nero con tempo instabile e precipitazioni sparse, nevose anche a bassa quota.

PREVISIONI METEO PER L’AREA ITALIANA – Venerdì 25 Marzo 2022

NORD
Cieli poco nuvolosi con addensamenti pomeridiani sulle Alpi centro-orientali, dove non sono da escludersi dei deboli e sporadici rovesci. Nel corso della giornata tenderanno ad aumentare le nubi medio-basse sulle pianure di nord-ovest e sulla Liguria.

CENTRO
Cieli sereni al mattino con tendenza ad un graduale aumento delle nubi sulle zone più occidentali. Nubi che dal tardo pomeriggio diverranno più compatte sulla parte settentrionale della Toscana.

SUD E ISOLE
Cieli sereni sui versanti adriatici, mentre assisteremo ad un aumento delle nubi sui settori tirrenici, specie dal pomeriggio. Dalla sera la nuvolosità diverrà a tratti compatta sulle isole, dove non sono da escludersi deboli piovaschi sulla Sardegna meridionale.

TEMPERATURE
Temperature massime stazionarie su valori molto miti nelle pianure del nord e del centro-nord, dove localmente si supereranno i 20°C. Minime anch’esse stazionarie.

VENTI E MARI
Ventilazione tra est e sud-est con intensità generalmente debole o al più a tratti moderata. Dei rinforzi interesseranno la Sardegna, data la vicinanza col minimo depressionario nord-africano. Mari da poco-mossi sui settori adriatici e sotto costa tirrenica, fino a mossi ad ovest delle due isole maggiori.