Articoli MeteoContenuti

Nord Emisfero Snow-Cover Record

La massa totale di neve per l’emisfero nord si sta mantenendo incredibilmente alta quest’anno battendo ogni record degli ultimi decenni a testimonianza di un clima che sta andando verso un progressivo raffreddamento ad iniziare dalle alte latitudini a causa del grande minimo solare in essere.

I risultati delle misurazioni della copertura nevosa sull’emisfero nord hanno raggiunto punte di oltre 600 Gigatonnellate sopra la media del 1982-2012. Ciò smentisce categoricamente chiunque sostenga che le nevicate siano un ricordo del passato, perché non solo l’emisfero boreale è stato testimone di una delle sue stagioni più nevose registrate questo inverno, ma la neve sta resistendo bene anche durante la primavera.
Il significato di questi record continui di accumuli e persistenza di neve non possono essere trascurati; nel passato è così che si sono espansi i ghiacciai e sono iniziate e ere glaciali.

I tempi freddi stanno tornando in linea con l’attività solare storicamente bassa, i raggi cosmici più penetranti favoriscono la maggiore nucleazione nelle nuvole e la corrente a getto tende via via a farsi più meridionale con interferenze anche nelle stagioni calde e soprattutto in quelle intermedie.

Perfino la NASA concorda, almeno in parte, con le loro previsioni per questo prossimo ciclo solare (25) rivelando che sarà “il più debole degli ultimi 200 anni”, con l’agenzia che mette in relazione i precedenti minimi solari con periodi prolungati di raffreddamento globale.

Ciò determinerà molto rapidamente il crollo sotto l’evidenza di falsi programmi politici facenti leva su un fantomatico riscaldamento globale in crescita esponenziale. La natura parla chiaro il nostro futuro è quello di un forte raffreddamento globale nessuno escluso. Quindi prepararsi sia fisicamente che mentalmente a inverni sempre più freddi a partire dalle latitudini settentrionali e via via sempre più verso quelle meridionali. Preparasi anche a delle estati con episodi di incursione della corrente a getto molto frequenti che determineranno la nascita di contrasti termici elevati e supercelle temporalesche.