Archivio Bollettini

Bollettino Meteo del 09-03-2021

Situazione e Evoluzione Generale

Lo scenario barico su scala europea è dominato da un flusso perturbato di matrice atlantica che sta insistendo sull’Europa centro-settentrionale ad opera di una ondulazione della corrente a getto. Tutto ciò determinerà la discesa di fredda sui Balcani, la Grecia e la Tirchia, associata a nevicate a bassa quota e temperature sotto la media. Questa ondulazione condizionerà marginalmente il tempo anche sulla nostra penisola portando un veloce passaggio perturbato ad inizio settimana sulle regioni centrali e meridionali. Successivamente il flusso zonale tenderà a distendersi lungo i paralleli con maltempo in Inghilterra ed Europa del nord ed una conseguente estensione della faccia alto-pressoria azzorriana sulle zone mediterranee, accompagnata da condizioni di bel tempo ed un aumento delle temperature, fino a valori primaverili. Volgendo lo sguardo nel long-range, quindi verso la fine della seconda decade di Marzo, pare probabile una nuova pulsazione verso nord dell’anticiclone presente sul sud Europa che potrebbe aprire la strada ad una ondata di gelo tardivo in direzione dell’Europa orientale. Non è da escludersi l’interessamento anche della penisola italiana, specie il centro-sud. Comunque questa è solo una ipotesi remota tutta da confermare.

Previsioni per il giorno 09-03-2021

Nord
Tempo in miglioramento con cieli sereni o poco nuvolosi salvo dei residui addensamenti sulla costa romagnola e sulle zone alpine di nord-est dove non si escludono delle deboli nevicate oltre i 600m. Possibile formazione di locali banchi di nebbia nottetempo nelle zone pianeggianti nei pressi del fiume Po.

Centro
Spiccata variabilità con addensamenti a tratti consistenti ed associati a rovesci sparsi o locali temporali, più probabili su Lazio, sud dell’Umbria e Abruzzo. Neve in appennino attorno ad i 1300m. Tendenza dal pomeriggio ad una attenuazione della fenomenologia con locali schiarite ad iniziare da nord.

Sud e Isole
Tempo perturbato su Sardegna, Campania, Molise e Puglia con rovesci e temporali, localmente di forte intensità. Altrove condizioni di spiccata variabilità con alternanza di schiarite ed annuvolamenti associati a deboli rovesci. In serata intensificazione della fenomenologia sul settore ionico. Neve in Appennino al di sopra dei 1400m.

Temperature
Temperature massime stazionarie o in leggero calo sulle regioni centro-meridionali interessate dalla fenomenologia più intensa e diffusa. Minime nel complesso stazionarie, più basse sulle regioni settentrionali grazie alla presenza di ampi rasserenamenti nottetempo.

Venti e Mari
Venti tra deboli e moderati di prevalente direzione orientale, tendenti nel corso della giornata a disporsi dai quadranti settentrionali un po su tutte le zone. Possibili colpi di vento nelle aree interessate dai temporali. Mari da mossi, fino a localmente molto mossi sul Tirreno meridionale e sullo Ionio. tendenza dalla serata ad una attenuazione del moto ondoso ad iniziare dai settori settentrionali.

Previsioni per il giorno 10-03-2021

Nord
Condizioni di tempo stabile e soleggiato salvo dei modesti addensamenti sulle zone alpine di nord-est specie nella prima parte della giornata, quando non si escludono delle deboli nevicate sulla cresta di confine introno a 500m.

Centro
Cieli poco o parzialmente nuvolosi con addensamenti più consistenti a ridosso dei rilievi e su basso Lazio, Marche e Abruzzo, dove si avranno delle precipitazioni a tratti diffuse specialmente nella prima parte della giornata. Quota neve in calo fin verso gli 800m a causa dell’afflusso ai aria più fredda in quota di origina balcanica.

Sud e Isole
Tempo a tratti perturbato con precipitazioni anche diffuse e associate a manifestazioni temporalesche specie sulla Sicilia settentrionale e la costa tirrenica. Tempo in miglioramento sulla Sardegna con ampie schiarite a partire dal nord dell’isola. Tendenza dalla tarda serata ad una attenuazione dei fenomeni ad iniziare da ovest. Neve in Appennino in calo di quota fino a 1200m.

Temperature
Temperature massime stazionarie o in lieve calo sui rilievi appenninici e al centro-sud, specialmente nelle zone interessate dalla fenomenologia più diffusa e persistente. Minime nel complesso stazionarie. Valo più bassi nelle pianure del nord a causa di cieli sereni o poco nuvolosi nottetempo.

Venti e Mari
Venti in rotazione e rinforzo dai quadranti settentrionali in particolar modo sui crinali appenninici, sulle isole ed al centro-sud. Mari da mossi fino a molto-mossi su tutti i settori meridionali. Dalla sera moto ondoso in attenuazione sul Ligure e sull’Adriatico settentrionale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *