Articoli MeteoContenuti

La Grande Anomalia della Corrente a Getto

Nonostante la stagione primaverile volga verso la sua parte conclusiva avvicinandosi all’estate meteorologica che cade il 1° Giugno, la Corrente a Getto permane decisamente ondulata e disturbata portando verso sud fredde saccature polari tali da determinare condizioni meteo fredde e perturbate fino verso latitudini bassissime.

Volgendo lo sguardo sulla situazione emisferica notiamo come il flusso della Corrente a Getto risulti ancora marcatamente disturbato e contraddistinto da ondulazioni capaci di portare saccature fredde fuori stagione fino a latitudini bassissime vista la stagione in essere. Una di queste saccature sta insistendo da giorni su tutta l’Europa centrale andando a lambire anche l’area mediterranea. Il tutto è accompagnato da temperature decisamente al di sotto della media e da maltempo. Questa configurazione si trova bloccata dalle corrispettive contro-risposte alto-pressorie ad i lati della saccatura, una ad ovest della Penisola Iberica e l’altra nel comparto russo ed est siberiano. Su queste ultime zone, e quindi su Russia ed est Siberia, insiste la contro-risposta mite che sta portando verso nord masse di aria sub-tropicale fino a latitudini insolite.
Questo evidenzia ancora una volta come la circolazione atmosferica globale risenta sempre di più degli effetti di una Corrente a Getto con evoluzione oramai consolidata del tutto anomala da attribuire con elevata probabilità alla scarsa e anomala attività solare oramai presente da oltre un decennio.
Quindi nessun allarme da presunto GW (riscaldamento globale) o “gretinismo” andante e stuccante, bensì una naturale azione legata all’evoluzione del JS. Naturalmente sul main-stream sentirete soltanto le notizie legate agli eventi caldi mentre vengono del tutto ignorati e nascosti gli eventi freddi che da più di un mese stanno caratterizzando il clima dell’Europa, specie quella settentrionale, che ha visto temperature invernali e la comparsa di neve anche in pianura, decisamente eccezionale, direi pazzesca, visto il periodo.

Quindi nessun catastrofico allarme da riscaldamento globale bensì l’opposto individuato da un JS (Corrente a Getto) sempre più ondulato e disturbato nonostante la stagione in essere dovrebbe portare all’indebolimento e alla distensione della corrente a getto. Queste sono oramai le basi che porteranno l’intero emisfero ad entrare un una nuova PEG (Piccola Era Glaciale) i cui segnali sono già evidenti e caratterizzati da saccature polari protese sempre più a sud anno dopo anno anche in stagioni in cui dovrebbero essere relegate più a nord, sennon addirittura assenti. La bassa attività solare come è logico e fisico che sia sta iniziando a produrre effetti macroscopici sulla circolazione atmosferica in quanto è il Sole con la sua enorme energia a determinare le sorti climatiche del pianeta (e anche degli altri pianeti del sistema solare), l’influenza dell'”ometto” e della CO_2 è un nulla, uno zero virgola rispetto a quello che il sole può fare al clima.

Naturalmente l’ingerenza del JS si manterrà anche nella stagione estiva andando ad alimentare saccature perturbate ma anche delle risalite molto calde in quanto la vivace ondulazione del JS produrrà saccature capaci di tirar su aria calda direttamente dall’Africa. Nel momento in cui saremo interessati dai rami caldi ascendenti tutto sarà enfatizzato come GW ma non c’entra nulla, ma proprio un tubaccio nulla. Come contro-risposta le saccature porteranno ingente maltempo con improvvisi cali termici e temporali accompagnati da gradine. Dunque ci attende una estate decisamente instabile tra fugaci prefrontali caldi, o molto caldi seguiti da saccature polari foriere di temporali e anche di neve sulle cime alpine… si neve che verrà occultata dalla voce narrante inneggiante ad un GW del tutto fallace.